Ho l’ansia. Cosa posso fare?

 L’ansia nasce da pensieri negativi circa un evento e ciò causa disagio. Il comportamento conseguente consiste spesso nell’evitare le situazioni che associamo alla difficoltà percepita. Si parla di condizionamento di secondo ordine in termini cognitivo comportamentali: evitiamo situazioni neutre che richiamano una esperienza spiacevole e che provocano in noi risposte condizionate, anche se gli stimoli in sé non sono minacciosi.

Possiamo ricorrere ad una strategia che definiamo risoluzione di problemi

  • Individuiamo il problema e lo descriviamo in modo molto preciso:cosa succede, dove, come, con chi, per quale motivo e come modificare;
  • definiamo più opzioni possibili per risolvere il problema;
  • valutiamo la fattibilità e la probabilità di riuscita delle opzioni;
  • selezioniamo l’opzione che riteniamo più adeguata;
  • definiamo un piano di azione realizzabile.
  • Se l’opzione scelta non risultasse funzionale procediamo con un’altra.

Se ci sentiamo in difficoltà possiamo percorrere diverse strade

  • Produrre intenzionalmente pensieri piacevoli;
  • reindirizzare l’attenzione da pensieri negativi a quelli positivi. Ci si allena a sostituire i pensieri da negativi a positivi e creare istruzioni che limitino pensieri che generano preoccupazione, ad esempio: la situazione è complicata, ma finirà.

Apportare delle modifiche virtuose allo stile di vita per prevenire e attenuare l’ansia

  • Dedicarsi ad attività piacevoli;
  • ridurre l’assunzione di eccitanti come caffeina e teina;
  • pianificare la gestione del tempo individuando azioni/ impegni urgenti, importanti, scadenze in modo realistico;
  • aumentare l’esercizio fisico;
  • ridurre l’assunzione di alcool che dopo una iniziale sensazione di anestesia emotiva contribuisce ad aumentare la stessa ansia.
Le persone che soffrono d’ansia hanno difficoltà a riconoscere e riflettere sui propri stati emotivi e tendono a concentrarsi su aspetti fisici. La gestione emotiva risulta scarsa e da ciò deriva la sensazione di disagio e, a volte, sofferenza.
L’ansia ha una funzione importante nella nostra vita. Ci segnala un pericolo e la necessità di apportare modifiche per migliorare la nostra condizione. Le persone che soffrono d’ansia hanno difficoltà a accettare le sensazioni che provano e temono emozioni come la paura, la tristezza, la rabbia connotandole velocemente come negative e pericolose.
La terapia si propone di individuare le emozioni, dare loro un nome, comprendere il significato sottostante: accompagnare nella mentalizzazione la persona stessa.
 EMDR. Una terapia innovativa per il superamento dell’ansia, dello stress e dei disturbi di origine traumatica. F. Shapiro e M. S. Forrest Ed. Astrolabio 1998