Psicoterapia di Gruppo

Il gruppo terapeutico è composto da un massimo di otto persone con un/ una conduttrice terapeuta e si riunisce periodicamente per confrontarsi su modi di interagire per giungere a forme più adeguate di relazione e di vita. Il gruppo riveste diverse funzioni per le singole persone che ne prendono e ne fanno parte, rappresenta una dimensione spazio-temporale protetta in cui si rinforza la sensazione di vivere attraverso la relazione e la presenza degli altri. Si attualizza una sorta di funzione a Specchio e parliamo di rispecchiamento nel senso che ogni partecipante e membro del gruppo vede negli altri parti di sè nascoste. Questo fenomeno possibile grazie alla relazione consente di incrementare la conoscenza di se stessi e di raggiungere una maggiore accettazione di parti non tollerate e misconosciute fino a quel momento. Il contesto gruppoanalitico è orientato a leggere e valorizzare giochi positivi di proiezione e introiezione per sviluppare maggiore fiducia negli altri con cui si condividono ricordi, sensazioni e giungere a costruire la fiducia in se stessi derivante dal riconoscimento che il gruppo dona ad ogni membro.

La partecipazione al gruppo è regolata e valutata in base alle caratteristiche personali dei potenziali partecipanti.

L’esperienza di gruppo consente di:

  • superare il senso di solitudine rispetto alle difficoltà, ricalibrando il disagio personale
  • ritrovare o scoprire qualità personali sopite o sconosciute che riemergono nella relazione con gli altri
  • riattualizzare conflitti antichi nel gruppo più tollerante e in un contesto tutelato
  • analizzare modalità infantili di relazione che si sviluppano tra i membri del gruppo
  • raggiungere consapevolezza di comportamenti personali e delle reazioni suscitate negli altri per l’immediatezza della relazione interpersonale.

Bibliografia

S. Corbella Storie e luoghi del gruppo Raffaello Cortina Editore, 2003
F. Di Maria G. Lo Verso La psicodinamica dei gruppi Teorie e Tecniche Raffaello Cortina Editore 1995