Disturbi d’ansia

L’ansia è un sistema di allerta utile alla persona che contribuisce ad attivare l’individuo in situazioni di pericolo e/o nei casi in cui occorra un aumento di attenzione, ad esempio prima di un esame.
Questo stato se eccessivo può provocare disagio psicologico e sintomi fisici come sudorazione, spasmi, sensazione di soffocamento, blocco motorio,  comportando conseguenze destabilizzati.

L’ansia si può manifestare con:

  • Attacchi di panico si sperimentano per circa 20 minuti intense sensazioni di apprensione, timore di morire e la sensazione di una catastrofe imminente associate a palpitazioni, sensazione di soffocamento.
  • Fobia specifica che consiste in una sensazione di ansia per una situazione temuta che la persona affronta mettendo in atto condotte di evitamento.
  • Fobia sociale che consiste in una forte sensazione di ansia legata a situazioni sociali.
  • Disturbo ossessivo compulsivo pensieri fissi e ricorrenti che generano comportamenti ripetuti atti a ridurre l’ansia.
  • Disturbo post-traumatico da stress in cui l’evento traumatico viene rivissuto e la persona mette in atto comportamenti di evitamento di stimoli e situazioni associate al trauma.
  • Disturbo d’ansia generalizzato con preoccupazione persistente ed elevata rispetto alla situazione reale e manifestazioni di ansia per almeno sei mesi.